AppDelete: Un Disinstallatore Universale di App per il tuo Mac

Cosa ci piace

  • Rimuove applicazioni, widget, plugin, pannelli di preferenza e molto altro ancora.

  • Algoritmo di ricerca veloce per trovare i file correlati.

  • Anteprima completa prima di cancellare; sai cosa succederà.

  • La protezione dell’applicazione consente di evitare che i preferiti vengano cancellati.

  • Orphan search trova i file delle app relative alle app che hai già cancellato.

  • Registra tutte le attività.

  • Annullare per quando si fa clic su cestino un po’ troppo velocemente.

Cosa non ci piace

  • Povero sistema di aiuto.

  • Ha bisogno di un manuale migliore.

A differenza dei primi giorni di utilizzo di un Mac, la disinstallazione non è più semplice come trascinare un’applicazione nella spazzatura. In molti casi, ci sono file assortiti, preferenze, elementi di avvio e altro ancora che il programma di installazione dell’applicazione è sparso per il Mac. Tutti questi file extra vengono lasciati indietro se si trascina l’applicazione principale dalla cartella /Applications nel cestino.

Ecco perché siamo particolarmente soddisfatti di AppDelete di Reggie Ashworth. Funziona bene e non intasa il vostro Mac.

AppDelete è uno strumento utile da avere, soprattutto se si tende a installare e disinstallare un gran numero di applicazioni. Normalmente, trascinare un’applicazione nel cestino funziona bene per sbarazzarsi del corpo principale di un’applicazione. Ma questo metodo lascia qualche bit vagante sotto forma di file di preferenza e altri file di dati che l’app utilizza. In alcuni casi, possono anche esserci dei demoni nascosti, piccole app che girano in background consumando risorse.

Avere qualche file in più e persino demoni in giro non causerà molte lamentele al vostro Mac, ma col tempo, possono davvero sommarsi, e iniziare ad avere un effetto su come il vostro Mac si comporta, specialmente se avete risorse limitate sul vostro Mac, come ad esempio una bassa quantità di RAM.

Per questo motivo, ogni volta che è possibile, è necessario utilizzare il programma di disinstallazione o le istruzioni di disinstallazione fornite dallo sviluppatore dell’applicazione. Ma troppe volte, lo sviluppatore non si preoccupa mai di includere un programma di disinstallazione e non pensa mai di scrivere le istruzioni per la disinstallazione. È qui che AppDelete torna utile.

Utilizzo di AppDelete

AppDelete può essere eseguito in varie modalità, tra cui una semplice finestra cestino in cui si trascinano e rilasciano le applicazioni che si desidera eliminare completamente dal sistema. Una volta trascinata un’applicazione nella finestra del cestino di AppDelete, verranno visualizzati tutti i file associati, compreso il file .app principale.

Ogni elemento della lista include una casella di controllo che indica che l’elemento verrà eliminato; è possibile deselezionare qualsiasi elemento che si desidera conservare. Se non si è sicuri o non si desidera esplorare ulteriormente, ogni elemento avrà un pulsante Info e un pulsante Display in Finder.

Il tasto info farà apparire l’equivalente della casella Info del Finder per l’elemento selezionato. Si può vedere dove si trova l’elemento quando è stato usato l’ultima volta, come sono impostati i permessi per il file e altri bit di informazioni.

Il pulsante Display in Finder può a volte essere molto più utile. Avete mai avuto un problema con il funzionamento di un’applicazione e dopo aver cercato le risposte sul web, il consenso è sembrato essere quello di eliminare il file delle preferenze dell’applicazione (il suo file .plist)? Il che vi porta alla domanda successiva: come diavolo si fa a trovare il file .plist per l’app e poi a cancellarlo? Se si cerca nella lista AppDelete per la app in questione, si dovrebbe essere in grado di individuare il file .plist. Cliccate sul pulsante Display in Finder per aprire una finestra Finder sulla cartella che contiene il file e cancellate semplicemente il file .plist. In questo caso, avete usato AppDelete per trovare rapidamente un file di preferenza per un’app capricciosa. Torniamo a usare AppDelete come previsto.

AppDelete elenca tutti i file associati a un’applicazione. È possibile eseguire la scansione attraverso l’elenco e deselezionare qualsiasi file che si desidera conservare, ma per la maggior parte, AppDelete è piuttosto bravo ad afferrare solo i file che appartenevano realmente all’app in questione.

Quando si è pronti a completare il processo di disinstallazione, è possibile fare clic sul pulsante Elimina, che sposta tutti i file nel cestino.

A proposito, AppDelete include anche un comando annulla; finché non si cancella il cestino, è possibile utilizzare il comando annulla per recuperare l’applicazione rimossa.

Archiviazione di applicazioni

Una funzione molto utile in AppDelete è la funzione Archivio, che funziona come alternativa alla normale funzione di cancellazione. Quando si sceglie Archive, l’app selezionata e tutti i file ad essa associati vengono compressi in formato .zip e memorizzati in una posizione a scelta. Il bello dell’opzione Archivio è che in qualsiasi momento successivo è possibile utilizzare AppDelete per reinstallare l’app dall’archivio archiviato.

Log Apps

Un’altra opzione di AppDelete è quella di registrare semplicemente tutti i file utilizzati da un’applicazione in una lista di testo. L’elenco include il percorso per ogni file utilizzato dall’applicazione. Questo può essere utile per la risoluzione dei problemi, o per rimuovere manualmente i file, se necessario.

Ricerca geniale

Finora abbiamo usato AppDelete come disinstallatore quando sappiamo di quale app vogliamo sbarazzarci, ma se state solo cercando di ripulire la vostra cartella /Applications per fare un po’ di spazio sul vostro Mac? È qui che entra in gioco Genius Search.

Genius Search eseguirà la scansione della tua cartella /Applicazioni, cercando qualsiasi applicazione che non hai usato negli ultimi sei mesi. Sembra un’ottima idea per ridurre al minimo le applicazioni installate. Tuttavia, l’elenco risultante includeva le app che hai usato negli ultimi sei mesi. Non siamo sicuri di quale sia il problema, ma Genius Search funziona abbastanza bene da generare un elenco di possibili app da rimuovere; basta non accettare ciecamente di cancellarle tutte. Dovete prima controllare e controllare attentamente la lista.

Ricerca orfani

Se in passato hai trascinato le applicazioni nel cestino del tuo Mac senza usare AppDelete, allora ci sono buone probabilità di avere qualche file orfano in giro. I file orfani sono file relativi alle app che sono stati lasciati quando si è utilizzato il semplice metodo del trascinamento nel cestino per cancellare un’app. Richiamando Orphaned Search, AppDelete può trovare tutti i file rimasti che non servono più a nulla e consente di eliminarli.

Pensieri finali

Ci sono alcuni altri disinstallatori di applicazioni disponibili per il Mac, tra cui AppCleaner, iTrash e AppZapper. Ma uno dei motivi per cui AppDelete vi piacerà è la velocità della sua funzione di ricerca. Poiché è così veloce, non è necessario che sia sempre in esecuzione, monitorando il Mac per l’installazione delle app o intercettando gli aggiornamenti dei file, e altre tecniche utilizzate per tenere traccia delle app e dei loro file utilizzati da altri disinstallatori universali.

Ciò significa che AppDelete non richiede alcuna richiesta di risorse per Mac, tranne quando usiamo l’applicazione. Se state cercando un trucco ingegnoso per sfruttare questa capacità di AppDelete di non dover girare in background, ma avere comunque un accesso rapido, è sufficiente aggiungere l’icona di AppDelete al vostro Dock. È quindi possibile trascinare qualsiasi app sull’icona del dock AppDelete, e AppDelete lancerà l’app selezionata pronta per essere cancellata.

Quindi, andate avanti; provate alcune di quelle app demo che avete sempre voluto provare ma che temevate di poter disinstallare in seguito; AppDelete si occuperà del processo di disinstallazione per voi.

AppDelete è di 7,99 dollari. È disponibile una demo.

Deja un comentario