Arduino vs. Lampone Pi

Se avete mai voluto imparare a codificare o costruire un robot o un altro dispositivo elettronico che potete controllare, l’utilizzo di una scheda Arduino o Raspberry Pi sono entrambi ottimi modi per iniziare. Ma qual è il migliore per voi e per i vostri obiettivi? Ecco uno sguardo più attento alle differenze tra le schede Arduino e Raspberry Pi, incluse le rispettive specifiche tecniche e il tipo di progetti che si possono realizzare con ciascuna di esse.

Ai fini di questa guida, metteremo a confronto le ultime versioni di ogni tipo di tavola: l’Arduino Uno Rev3 e il Raspberry Pi 4.

Arduino contro Raspberry Pi: Risultati complessivi

Arduino

  • Non un computer. In realtà è una scheda a microcontrollore.

  • Non ha core di elaborazione riconoscibili e porte di I/O e opzioni limitate.

  • Può essere caricato tramite USB o presa di corrente.

  • Può essere programmato tramite Arduino Web Editor o il software Arduino IDE.

Lampone Pi

  • E’ un computer. Anche se è conosciuto come microcomputer.

  • L’ultima versione ha 4 core di elaborazione e un’ampia varietà di porte I/O e opzioni.

  • Può essere caricato solo tramite porta USB-C.

  • Può essere programmato con uno qualsiasi dei 9 sistemi operativi possibili. Quello raccomandato si chiama Raspbian ed è basato su Linux Debian.

La differenza principale tra Arduino e Raspberry Pi è che Arduino non è un computer e Raspberry Pi è un computer. Ma entrambi possono sia programmare che controllare altri dispositivi per eseguire determinati compiti e possono entrambi insegnarvi a codificare.

Arduino non ha un vero e proprio core di elaborazione, e può essere programmato tramite un editor web online o il software IDE Arduino. Raspberry Pi 4 ha quattro core e ci sono nove possibili sistemi operativi che possono essere utilizzati per programmarlo, a seconda del progetto a cui si sta lavorando.

Il sistema operativo consigliato per un Pi greco si chiama Raspbian. Poiché gli Arduino non sono computer, sono più adatti per compiti più semplici come il controllo delle luci. Il Raspberry Pis può fare cose più complesse come creare giochi, applicazioni mobili o siti web.

Arduino contro Raspberry Pi: Numero di Core e opzioni I/O

Arduino

  • Non sembra avere alcun nucleo di elaborazione poiché non è un computer.

  • Ha una varietà limitata di opzioni di I/O. La maggior parte sono solo pin I/O digitali.

  • Ha 1 connessione USB.

Lampone Pi

  • Il Raspberry Pi 4 ha quattro nuclei di elaborazione.

  • Ha un’ampia varietà di porte I/O e opzioni molto simili a quelle di un normale computer.

  • Ha due porte micro-HDMI che possono supportare due display 4K.

Quando si discute il numero di core di ogni scheda, vale la pena ricordare che una scheda Arduino non è un computer, è una scheda a microcontrollore, e quindi sembra non avere nulla che assomigli a un vero core di elaborazione come quello che potrebbe avere il processore del vostro portatile. E quando si tratta di core, le schede Arduino non sembrano averne.

Il Raspberry Pi, invece, è un computer, anche se molto piccolo. Secondo il sito web del Raspberry Pi, il Raspberry Pi 4 ha 4 nuclei di elaborazione.

Per quanto riguarda le opzioni di ingresso/uscita (I/O), Arduino Uno è dotato di 14 pin di ingresso/uscita digitali, 6 ingressi analogici, una connessione USB e un jack di alimentazione. Il Raspberry Pi 4 ha un’ampia varietà di porte e opzioni di I/O, incluse 2 porte USB 3.0, 2 porte USB 2.0, 2 porte micro-HDMI, e uno slot per schede Micro SD, solo per citarne alcune. Le due porte micro-HDMI possono supportare due display 4K.

Arduino contro Raspberry Pi: Consumo di energia

Arduino

  • Può essere ricaricata utilizzando una connessione USB o un jack di alimentazione.

  • Ha bisogno di 5 volt di potenza per funzionare.

  • I campi di tensione d’ingresso consigliati vanno da 7 a 12 volt.

Lampone Pi

  • Può essere caricato solo tramite porta USB-C.

  • Generalmente ha bisogno di 3 ampere e 5 volt di potenza per funzionare.

  • Può anche accettare 2,5 ampere di potenza se non ci sono troppi dispositivi collegati.

Arduino Uno è dotato di un jack di alimentazione e di una connessione USB e quindi può essere ricaricato sia collegandolo ad un computer tramite la connessione USB sia tramite il jack di alimentazione con un adattatore AC-to-DC o una batteria. La tensione di esercizio per l’Arduino è di 5V e la tensione di ingresso consigliata va da 7-12V.

Il Raspberry Pi 4 si carica tramite una porta USB-C. Secondo l’hardware di Tom, questo microcomputer richiede almeno 3 ampere di potenza e 5V (volt). Può anche accettare 2,5 ampere, in quanto non ci sono troppe periferiche collegate ad esso.

Arduino contro Raspberry Pi: Programmabilità

Arduino

  • Può essere programmato tramite un software open source, scaricabile, chiamato Arduino IDE.

  • Programmabile anche con Arduino Web Editor online.

  • IDE funziona su Windows, macOS X e Linux.

Lampone Pi

  • Potete scegliere tra 9 sistemi operativi con cui programmare il vostro Pi.

  • Raspbian è il sistema operativo raccomandato ed è basato su Linux Debian.

  • Gli altri sistemi operativi sembrano essere specifici per il progetto, come LibreELEC, che è per un Kodi Entertainment Center.

La programmazione di un Arduino può essere fatta con il software Arduino IDE. È anche possibile utilizzare l’Arduino Web Editor. Il software IDE è open source e permette agli utenti di scrivere codice e poi caricarlo direttamente sulla scheda. L’ambiente IDE di Arduino è scritto in Java ma si basa su un altro software open-source (senza nome) e su un linguaggio conosciuto come Processing. L’IDE può funzionare anche su Windows, macOS X e Linux.

Quando otterrete il vostro Raspberry Pi 4 per la prima volta, dovrete utilizzare un gestore di installazione del sistema operativo noto come NOOBS (New Out of Box Software). Questo gestore vi permetterà di scegliere un sistema operativo per il vostro Raspberry Pi che potrete utilizzare per programmarlo. Attualmente ci sono 9 sistemi operativi tra cui si può scegliere, ma quello raccomandato si chiama Raspbian, che è basato su Linux Debian. In particolare, uno degli altri sistemi operativi possibili è Windows 10 IoT Core.

Verdetto finale: Ogni consiglio ha uno scopo diverso

Arduinos e Raspberry Pis sono entrambi ottimi per imparare il codice e per lavorare con l’elettronica. Ma ognuno di loro è adatto solo per alcuni tipi di progetti. Poiché gli Arduinos sono semplici schede e non sono computer, sono più adatti per semplici attività di programmazione come il controllo delle luci, la regolazione dei termostati o il controllo degli apparecchi.

E poiché i Raspberry Pis sono dei veri e propri computer, è possibile assumere compiti più complessi come lo sviluppo di applicazioni mobili, la creazione di giochi o la progettazione di siti web. E con Raspberry Pi 4 potete anche collegarlo a un monitor e a una tastiera e usarlo per sostituire un computer desktop.

Deja un comentario