Cosa sono le espressioni dopo gli effetti?

Un’espressione After Effects è simile a una riga di codice informatico, o action script all’interno di Flash (ora Adobe Animate.) Proprio come il codice informatico o action script, un’espressione è un qualche tipo di formula che dice a After Effects di fare qualcosa di specifico. A differenza dell’action scripting, tuttavia, le espressioni vivono all’interno degli attributi di un elemento, come la loro scala o rotazione.

Che senso ha usare un’espressione? Beh, le espressioni possono funzionare in molti modi, ma i due esempi migliori sono quelli di animare qualcosa e di influenzare l’animazione di qualcosa. Perché usare un’espressione per animare invece di usare i fotogrammi chiave?

Quando e come usare le espressioni

Diciamo che hai una palla che si muove attraverso lo schermo da sinistra a destra, ma vuoi anche che quella palla si muova. Piuttosto che entrare a mano e fare questo, o applicare un effetto e dare un sacco e un sacco di fotogrammi chiave, possiamo semplicemente applicare un’espressione di wiggle ad esso.

Così avremo solo i nostri due fotogrammi chiave che dicono di andare da sinistra a destra, più l’espressione che dice di muoversi. Mantiene le cose belle e organizzate, oltre che facilmente modificabili. Invece di dover rifare centinaia di fotogrammi chiave se vogliamo che il nostro movimento sia più estremo, possiamo semplicemente cambiare l’espressione. Quindi stiamo animando il nostro oggetto in due modi, usando i keyframe e usando un’espressione.

Un altro esempio comune di come le espressioni possono funzionare in After Effects è quello di incidere su un pezzo di animazione senza animarlo. Si può scrivere un’espressione che dice che con il passare del tempo la nostra animazione diventerà più o meno estrema.

Se abbiamo un effetto di luce pulsante, possiamo applicare ad essa un’espressione che dice che mentre la nostra animazione suona la luce pulsante diventa sempre più drammatica, senza dover effettivamente andare ad animare quell’effetto ingrandendo. Qui non stiamo animando usando un’espressione, ma incidendo su un pezzo di animazione con l’espressione.

Un’espressione Wiggle Expression come esempio

Facciamo una semplice espressione mossa come esempio per capire come funzionano.

Realizzerete una nuova composizione all’interno di After Effects che è lunga 24 fotogrammi e farete il vostro action scripting lì dentro. Ora, ricordate, a differenza dell’action script in Flash (Animate) non potete aggiungere action script a una composizione nel suo complesso. Le espressioni vivono all’interno di elementi nella vostra linea temporale e all’interno degli attributi di tali elementi. Quindi dovrete creare qualcosa a cui applicare l’espressione.

Facciamo un semplice quadrato con i solidi. Colpisci Comando + Y e fai un piccolo quadrato. Ora facciamo una semplice espressione per imparare come funzionano.

Con il solido selezionato, premere P per richiamare il menu a tendina Posizione nella timeline. Se hai intenzione di animarlo, dovrai semplicemente cliccare sul cronometro per attivare i keyframe, ma per aggiungere un’espressione vorrai Opzione o Alt + cliccare sul cronometro.

Questo trasformerà l’attributo Position in un nuovo piccolo menu a tendina, aggiungendo Expression: Posizione sotto di esso. Vedrete sopra a destra nella vostra linea temporale un’area che potete digitare che attualmente dice «transform.position».

Questo campo di testo qui è dove scriviamo tutte le nostre espressioni. Una bella espressione semplice è l’espressione wiggle come detto in precedenza – questo farà sì che il vostro oggetto si muova leggermente in tutta l’animazione.

L’espressione wiggle è impostata in questo modo: wiggle(x,y).

Per iniziare la tua espressione si sta andando a digitare «wiggle» – che sta dicendo After Effects si sta applicando l’espressione wiggle seguito dai valori nella parentesi che sta dicendo After Effects quando e quanto a wiggle.

X sta per quante volte al secondo vorreste che After Effects spostasse il vostro oggetto, quindi se i vostri fotogrammi al secondo sono 30, allora mettendo un 30 per il valore di X farete in modo che il vostro oggetto sposti ogni fotogramma. Mettere un 15 a 30fps farà sì che ogni altro fotogramma sposti il vostro oggetto, ecc.

Il valore Y sta per quanto si desidera che l’oggetto si muova. Quindi un valore Y di 100 muoverà il vostro oggetto di 100 punti in qualsiasi direzione e un valore Y di 200 muoverà il vostro oggetto di 200 punti in qualsiasi direzione.

Quindi un’espressione completa di singhiozzo sarà simile a questa: singhiozzare(15.250).

Ora vedrete la vostra piazza agitarsi intorno al vostro palco quando colpite play, ma non avete applicato alcun fotogramma chiave. Potete anche entrare e fare l’esempio citato in origine, e aggiungere i fotogrammi chiave del vostro quadrato che si muovono da sinistra a destra insieme alla vostra espressione.

Arrotondamento delle espressioni

Quindi, in sintesi, un’espressione After Effects è un pezzo di testo, molto simile a un pezzo di codice, applicato a una proprietà di un elemento che sta influenzando quella proprietà. Funzionano in una miriade di modi e hanno una vasta gamma di usi, ma, proprio come il codice, sono pignoli per gli errori di ortografia e di punteggiatura, quindi assicuratevi di ricontrollarli mentre digitate.

Deja un comentario