Cos’è la Z-Wave?

La domotica sta diventando un utile strumento quotidiano. Z-Wave è un tentativo di semplificare la trasformazione della vostra casa in una casa intelligente creando una rete separata per i vostri dispositivi intelligenti.

Cos’è la Z-Wave?

Z-Wave è il marchio di un protocollo di comunicazione wireless introdotto per la prima volta nel 1999. Le aziende elettroniche che vogliono vendere dispositivi Z-Wave aderiscono al consorzio Z-Wave, che ha una serie di regole e regolamenti che qualsiasi dispositivo deve essere conforme e includere la tecnologia Z-Wave.

La tecnologia Z-Wave è solitamente contrassegnata come tale sulla confezione. Ha anche la caratteristica unica di essere retrocompatibile. Se avete acquistato un dispositivo Z-Wave nel 1999, si collegherà e funzionerà con un dispositivo Z-Wave acquistato nel 2019.

Come funziona la Z-Wave?

Dispositivi di rete Z-Wave inviando messaggi attraverso la gamma di frequenza 800-900 MHz (megahertz). Ogni dispositivo Z-Wave inizia con un piccolo chip radio che può inviare e ricevere in questa gamma di frequenza.

Controllare la frequenza radio utilizzata dai telefoni cordless e da altri dispositivi wireless che non utilizzano il Wi-Fi. A seconda di dove si vive, un dispositivo Z-Wave può interferire con esso, come due stazioni radio che trasmettono sulla stessa frequenza. Tuttavia, i dispositivi Z-Wave non interferiscono con i segnali Bluetooth o con quelli degli smartphone.

Quando si aggiungono a casa vostra dispositivi intelligenti compatibili con Z-Wave, questi si parlano tra loro su questa gamma di frequenze e formano una rete a maglie. Questo permette a qualsiasi dispositivo, o «nodo», di comunicare con altri «nodi» collegati alla rete, anche se i due nodi sono fuori portata. Pensate un po’ al vostro dispositivo che passa le note; se volete dire al vostro frigorifero in garage di abbassare la temperatura, potete dire al vostro altoparlante intelligente, che dirà al dispositivo più vicino, che dirà al vostro frigorifero.

Qual è la differenza tra Z-Wave e Wi-Fi?

In una certa misura, Z-Wave è simile alla vostra rete Wi-Fi domestica. Entrambi sono semplicemente computer con radio ricetrasmittenti che parlano tra loro su una frequenza specifica. E molti dispositivi di casa intelligenti si collegheranno al vostro Wi-Fi e lo utilizzeranno come rete. Ci sono però alcune differenze che dovreste ricordare:

  • Compatibilità : I prodotti Z-Wave hanno bisogno di un chip indipendente integrato nel dispositivo per funzionare e funzioneranno solo con altri dispositivi Z-Wave. I dispositivi Wi-Fi, al contrario, possono tutti connettersi al vostro Wi-Fi, ma non possono parlare tra loro. Un prodotto Amazon, ad esempio, probabilmente non sarà in grado di controllare un dispositivo Google o, viceversa, non sarà in grado di controllare un dispositivo Google.

Controllate sempre l’imballaggio dei prodotti che acquistate. La compatibilità con standard come Z-Wave sarà chiaramente indicata sul lato o sul retro di ogni confezione. Alcuni dispositivi possono anche offrire sia la compatibilità Z-Wave che Wi-Fi.

  • Capacità : La tua rete Wi-Fi è progettata per trasportare molti più dati e supportare richieste più complicate. Le apparecchiature Z-Wave rimangono fuori dalla tua rete Wi-Fi, permettendo ai tuoi dispositivi di eseguire compiti complicati e riservando i semplici comandi impartiti ai dispositivi di casa intelligenti ad un canale separato.
  • Range e Extender : Le reti Wi-Fi vengono estese utilizzando «extender» o «ripetitori», che amplificano il segnale Wi-Fi e copiano la password e le impostazioni del router. Più ripetitori e dispositivi si sono collegati al Wi-Fi, più sono i potenziali punti deboli della rete domestica. I dispositivi Z-Wave sono i loro stessi «ripetitori», limitando il rischio di violazioni.
  • Connessione Internet : Una connessione Z-Wave non necessita di Wi-Fi. Dal momento che un dispositivo Z-Wave forma una rete mesh per trasmettere le richieste, e la rete può supportare fino a 232 elementi diversi, è possibile collegare un hub Z-Wave in una connessione internet cablata e avere una casa intelligente che funziona in modo indipendente. Se il vostro router si rompe, la vostra casa intelligente continuerà a funzionare fintanto che internet è attivo

La Z-Wave è sicura?

La sicurezza è una questione importante in un mondo in cui gli oggetti per la casa intelligente sono dotati di microfoni e telecamere, ma la Z-Wave deve ancora avere seri problemi di sicurezza come standard.

Tuttavia, proprio come il Wi-Fi può essere sicuro e i dispositivi ad esso collegati non lo sono, Z-Wave ha lo stesso problema. Una delle prime serrature per porte Z-Wave è stata trovata con un design mal implementato, il che la rende un dispositivo rischioso. Più recentemente, i ricercatori hanno scoperto che la compatibilità all’indietro della Z-Wave può essere un problema di sicurezza, anche se la ricerca in materia è in corso. Tuttavia, a meno che non si utilizzino dispositivi Z-Wave più vecchi, è improbabile che quest’ultimo problema influisca su di voi.

Fortunatamente, anche le comunicazioni tra ogni nodo Z-Wave sono criptate, e per accoppiare un dispositivo Z-Wave alla vostra rete, dovrete utilizzare un PIN posto da qualche parte nella confezione o sul dispositivo, oppure scansionare un codice QR posto sul dispositivo in un posto che non può essere facilmente visibile quando viene confezionato.

Un altro vantaggio in termini di sicurezza è che, nel 2016, la Z-Wave Alliance ha reso il suo software di sicurezza open source in modo che gli hacker dal cappello bianco potessero testarlo per verificare i punti deboli. Questo è importante, in quanto il software «chiuso» è molto più difficile da studiare, il che lo rende potenzialmente più vulnerabile se viene scoperto un difetto.

L’automazione della vostra casa può essere un utile strumento di produttività e può anche aiutare alcuni di noi a vivere in modo indipendente. Ricercare tutte le opzioni della vostra casa intelligente è una scelta saggia, ma se non volete il Wi-Fi in casa vostra, Z-Wave potrebbe essere quello che fa per voi.

Deja un comentario