Cos’è WebRTC?

La Web Real-Time Communication, o WebRTC, consente uno standard che permette ai browser di scambiare audio e video. Se avete sentito parlare di applicazioni come Hangouts o Hangouts Meet, Facebook Messenger, Dialpad, UberConference, Appear.in, tra molte altre, avete sentito parlare (o forse anche usato) di applicazioni che si basano su WebRTC per trasmettere voce e video nel vostro browser.

WebRTC definisce i modi in cui un browser sul vostro dispositivo può stabilire, gestire e terminare una connessione peer remota. Il sistema include standard di sicurezza di crittografia, così come il supporto per la gestione della larghezza di banda.

WebRTC rende più facili gli incontri sul web

Quando il vostro browser supporta WebRTC, ciò significa che non dovete installare un plug-in o scaricare un’applicazione speciale per comunicare con altre persone. Non si perde più tempo a scaricare un file, a fare doppio clic su di esso o ad aspettare che venga installato. Se il vostro browser supporta WebRTC, le riunioni voce e video sul web diventano più semplici.

Concessione di accesso a microfono e video

Sarà tuttavia necessario consentire l’accesso al microfono o alla videocamera del dispositivo prima di poter effettuare una conferenza. Quando un sistema di conferenza in tempo reale ha bisogno di accedere a uno di questi dispositivi, vedrete un messaggio che vi chiederà se volete «Consentire l’accesso» al vostro microfono o alla vostra videocamera. Assicuratevi di approvare questo accesso solo per i siti e i servizi di cui vi fidate.

Quali browser supportano WebRTC?

Chrome, Firefox e Opera supportano tutti WebRTC. I team che costruiscono questi tre browser hanno lavorato attivamente per costruire il supporto per WebRTC. Se si desidera un browser che includa WebRTC, uno qualsiasi di questi tre sarebbe un’ottima opzione. Apple e Microsoft stanno entrambi costruendo il supporto per WebRTC in Safari (su macOS e iOS) e la nuova versione di Microsoft Edge (basata su Chromium), rispettivamente. Il sito, iswebrtcreadyyet.com, fornisce una rapida panoramica visiva del supporto del browser per WebRTC.

Come testare WebRTC

Per un rapido test di videoconferenza con Web-RTC, potete provare un client di chat video AppRTC alimentato da Google App Engine, all’indirizzo https://apprtc.appspot.com/. Seguite il link nel vostro browser, scegliete o create un nome di sala a caso, poi scegliete Partecipa per iniziare una conferenza. Iscrivetevi allo stesso nome della sala da un browser su un altro dispositivo per ottenere un esempio di come funziona WebRTC. È anche possibile modificare diverse impostazioni con i parametri AppRTC. Tenete presente che questa è un’applicazione demo e di prova, non una vera e propria soluzione di web conferencing!

WebRTC Perdita di informazioni sulla privacy

Una connessione WebRTC ha il potenziale di rivelare l’indirizzo internet del vostro dispositivo. Questo viene spesso chiamato WebRTC leak, poiché l’indirizzo IP (protocollo internet) del vostro dispositivo è potenzialmente disponibile ad un visualizzatore remoto. In alcuni casi, anche se si utilizza una rete privata virtuale (VPN) per nascondere l’indirizzo internet del dispositivo, una WebRTC leak potrebbe rivelare l’indirizzo IP reale. Questo potrebbe essere un potenziale problema, poiché un indirizzo IP spesso può essere utilizzato per identificare la vostra regione, città o provider di servizi Internet.

Se non avete bisogno di servizi di comunicazione vocale o video WebRTC nel vostro browser, potete disattivare WebRTC. In caso contrario, si può preferire l’uso di una VPN per prevenire la perdita di un indirizzo IP WebRTC. Google offre un’estensione WebRTC Network Limiter per l’uso nel browser Chrome che offre opzioni per proteggere la vostra privacy.

Per molte persone, il vantaggio di comunicazioni in tempo reale veloci, sicure e basate su browser che WebRTC offre può superare le preoccupazioni sulla privacy associate a un indirizzo internet potenzialmente rivelato.

Deja un comentario