La guida per principianti di Google+

Google+ è stato sospeso. Questo articolo rimane solo per scopi di archivio.

Google Plus (noto anche come Google+) è un servizio di social networking di Google. Google+ è stato lanciato con un sacco di fanfara come possibile concorrente di Facebook. L’idea è abbastanza simile a quella di altri servizi di social networking, ma Google cerca di differenziare Google+ permettendo una maggiore trasparenza nelle persone con cui si condivide e nel modo in cui si interagisce. Inoltre integra tutti i servizi Google e visualizza una nuova barra dei menu di Google+ su altri servizi Google quando si accede a un account Google.

Google+ utilizza il motore di ricerca Google, i profili Google e il pulsante +1. Google+ originariamente lanciato con gli elementi di Circoli , Huddle , Hangouts, e Sparks . Huddle e Sparks sono stati infine eliminati.

Cerchi

I circoli sono solo un modo per creare circoli sociali personalizzati, siano essi incentrati sul lavoro o sulle attività personali. Piuttosto che condividere tutti gli aggiornamenti con un pubblico di centinaia o migliaia di persone, il servizio mira a personalizzare la condivisione con gruppi più piccoli. Funzionalità simili sono ora disponibili per Facebook, anche se Facebook è a volte meno trasparente nelle loro impostazioni di condivisione.

Per esempio, commentare un post di qualcun altro su Facebook spesso permette agli amici di amici di vedere un post e di offrire anche commenti. In Google+, un post non diventa visibile di default a persone che non erano originariamente incluse nel cerchio in cui è stato condiviso. Gli utenti di Google+ possono anche scegliere di rendere visibili i feed pubblici a tutti (anche a chi non ha un account) e di aprirsi ai commenti degli altri utenti di Google+.

Punti di ritrovo

I luoghi di ritrovo sono solo video chat e messaggistica istantanea. È possibile avviare un ritrovo dal telefono o dal desktop. Gli hangout consentono anche chat di gruppo con testo o video per un massimo di dieci utenti. Anche questa non è una caratteristica esclusiva di Google+, ma l’implementazione è più facile da usare di quanto non lo sia su molti prodotti comparabili.

I Google Hangouts possono anche essere trasmessi pubblicamente su YouTube utilizzando Google Hangouts on the Air.

Purtroppo, secondo Google, anche Google Hangouts chiuderà i battenti nel 2020. Quindi, se decidete di fare un tentativo, non affezionatevi troppo.

Huddle e scintille (caratteristiche annullate)

Huddle era una chat di gruppo per i telefoni. Sparks era una funzione che fondamentalmente creava una ricerca salvata per trovare «scintille» di interesse all’interno dei feed pubblici. È stata fortemente promossa al momento del lancio, ma è caduta a terra.

Foto di Google

Una delle caratteristiche più popolari di Google+ è stato il caricamento istantaneo dai telefoni con fotocamera e le opzioni di fotoritocco. Google ha cannibalizzato diverse società di fotoritocco online per migliorare questa funzione, ma alla fine Google Photos è stato separato da Google+ ed è diventato un prodotto proprio. È ancora possibile utilizzare e pubblicare Google Photos caricato all’interno di Google+ e condividere in base ai cerchi impostati. Tuttavia, è possibile utilizzare Google Photos anche per condividere le foto con altri social network, come Facebook e Instagram.

Check-in

Google+ permette di effettuare il check-in dal vostro telefono. Questo è simile al check-in di Facebook o di altre applicazioni sociali. Tuttavia, la condivisione della posizione di Google+ può anche essere impostata per consentire a persone selezionate di vedere dove ti trovi senza aspettare che tu faccia il check-in specifico per quella posizione. Perché dovreste volerlo fare? È particolarmente utile per i membri della famiglia.

Google+ Muore una lunga morte lenta

L’interesse iniziale per Google+ è stato forte. Larry Page, CEO di Google, ha annunciato che il servizio ha superato i 10 milioni di utenti appena due settimane dopo il lancio. Google è stato in ritardo nei prodotti sociali, e questo prodotto è arrivato in ritardo alla festa. Non sono riusciti a vedere dove stava andando il mercato, hanno perso dipendenti innovativi o hanno lasciato languire i prodotti promettenti mentre le start-up di altre aziende prosperavano (alcune delle quali sono state fondate da ex dipendenti di Google).

Dopo tutto questo, Google+ non ha superato Facebook. I blog e i notiziari hanno iniziato a rimuovere tranquillamente l’opzione di condivisione G+ dal fondo dei loro articoli e post. Dopo un notevole dispendio di energia e di tempo, Vic Gundotra, il responsabile del progetto Google+, ha lasciato Google.

Come altri progetti sociali di Google, anche Google+ potrebbe soffrire del problema del cibo per cani di Google. A Google piace usare i propri prodotti per sapere quanto funzionano bene, e incoraggia i suoi ingegneri a risolvere i problemi che trova piuttosto che affidarsi a qualcun altro. Questa è una buona pratica, e funziona particolarmente bene su prodotti come Gmail e Chrome.

Tuttavia, nei prodotti sociali, devono davvero espandere questo cerchio. In primo luogo, Google Buzz ha avuto problemi di privacy e Google+ ha avuto due importanti hack di API che hanno messo a rischio milioni di dati degli utenti.

L’altro problema è che, sebbene i dipendenti di Google provengano da tutto il mondo, sono quasi tutti studenti di serie A con un background altamente tecnico che condividono gli stessi ambienti sociali. Non sono la tua nonna semi-computer literate, il tuo vicino di casa o un gruppo di adolescenti. L’apertura dei test di Google+ a utenti esterni all’azienda può aver risolto i problemi di utilizzo e di privacy e ha portato a un prodotto molto migliore.

Anche Google è impaziente quando si tratta di crescita del prodotto. Google Wave è sembrato sorprendente quando è stato testato internamente, ma il sistema si è rotto quando si è espanso rapidamente con una domanda iperattiva, e gli utenti hanno trovato la nuova interfaccia confusa. Orkut ha avuto un successo iniziale, ma non è riuscito a prendere piede negli Stati Uniti.

Deja un comentario