La leadership di Twitter: A Noah Glass Biografia

La persona che per prima ha chiamato Twitter «Twitter» deve rastrellare milioni e milioni di dollari in questi giorni, giusto? Non tanto. Noah Glass (@noah), parte integrante della fondazione del servizio e il tizio che ha ideato uno dei nomi delle aziende più famose al mondo, è stato estromesso molto tempo fa. Infatti, quando la storia di Twitter viene raccontata casualmente come un mito della creazione, il suo nome viene spesso tralasciato.

Allora, qual è la vera storia ?

Chi è Noah Glass?

Dopo aver lavorato alla Industrial Light and Magic, Glass è stato co-fondatore di Odeo, la società di podcasting fallita che avrebbe costituito un improbabile ponte verso Twitter. Ev Williams, CEO di Odeo, ha messo Glass a capo del progetto di social messaging che Jack Dorsey e Biz Stone hanno contribuito a concepire.

Glass ha intrapreso l’incarico con la passione di un vero sostenitore delle potenzialità di Twitter. Ma nel 2006, quando Twitter è stato lanciato, Williams lo ha licenziato. Si dice che Dorsey si sia avvicinato a Williams per il licenziamento di Glass, ma il rapporto di lavoro tra Williams e Glass era diventato sempre più teso, comunque, a causa delle differenze di personalità e di stile di lavoro. Potete leggere la storia completa dei primi tempi di Twitter su Hatching Twitter di Nick Bilton, altamente raccomandato da Nick Bilton.

Ha scritto D.T. Max in un eccellente profilo 2013 di Dorsey:

«Alla fine si decise di licenziare Glass. Bilton riferisce che Dorsey ha minacciato di licenziarsi a meno che Glass non fosse stato costretto ad andarsene. Dorsey dice il contrario: «Non ho dato un ultimatum. … Non avevo quella leva». Ev ha preso la sua decisione». Come ricorda Dorsey: «Ev mi ha chiesto: «Dovremmo lasciar andare Noah? E io dissi: «Non credo di poter lavorare con lui nel suo stato attuale». Zachary ricorda che Williams annunciò che avrebbe licenziato Glass perché «nessuno voleva avere a che fare con lui».

Gli anni successivi hanno visto Glass andarsene con le azioni e «una piccola quantità di denaro», come ha detto Business Insider , e non molto altro, visto che Twitter è cresciuto:

«Non ero nella storia, che per certi versi è stata difficile da affrontare all’inizio, perché è stato un grande lavoro d’amore e un grande lavoro per farla nascere. Creare la cosa, portarla nel mondo. È stata una tonnellata di sforzo e una tonnellata di energia.

Non essere inclusi nella storia è stato difficile da digerire all’inizio, ma quando ho capito cosa stava succedendo al prodotto, questa cosa che ho contribuito a creare, la cosa non riguarda me. La cosa riguarda se stessa. Twitter è un fenomeno e uno strumento di grande utilità ed è incredibilmente utile e aiuta molte persone. Ho capito che la storia non riguarda me. Non c’è problema.

Questa è una cosa che voglio ribadire – stai cercando di cercare la storia completa. Alcune persone si sono prese il merito, altre no. La realtà è che è stato uno sforzo di gruppo. C’erano un sacco di persone che mettevano idee e non si sarebbe potuto fare senza questo gruppo di persone. Che ci siano o meno individui che si prendono o meno il merito, questo può essere del tutto irrilevante. È stata una collaborazione. Ed è stata quasi una collaborazione che è nata per necessità.

Non ho creato Twitter da solo. È nato dalle conversazioni. So che senza di me Twitter non esisterebbe. In un modo enorme. Ma lo stesso vale senza Jack. E in un certo senso, è vero anche senza Ev. Ev era coinvolto.

Biz è stato coinvolto più di Ev. Ev non è stato affatto coinvolto per la sua creazione e il suo lancio. Entrava e parlavamo ogni tanto. Credo che per gran parte del tempo abbia lavorato all’idea di riacquistare Odeo. Stavo lavorando su Twitter, e molto intensamente».

Oggi Noah Glass vive a San Francisco con la sua famiglia. Attualmente sta lavorando a «progetti che potrebbero essere qualcosa di grande se venissero realizzati», ha detto Business Insider . Il suo account Twitter – con «ho iniziato questo» come biografia – non è stato aggiornato da settembre 2013. Il suo ultimo Tweet?

«Auguro al team di twitter la miglior fortuna e confido che riuscirà a continuare a sviluppare questo importante strumento di comunicazione».

Da parte sua, Williams è andato su Twitter per riconoscere i contributi di Glass nel 2011:

«È vero che @Noah non ha mai avuto abbastanza credito per il suo primo ruolo su Twitter. Inoltre, ha inventato il nome, che è stato brillante».

Deja un comentario